sabato 30 novembre 2013

Pensieri

Salve a tutti,
dopo questo "silenzio stampa" riprendiamo a scrivere...
non siamo scomparse, ma diversi motivi ci hanno portato a non dedicare molto tempo al blog in questo periodo. Infatti, oltre ai soliti impegni di studio e personali, il 18/11/2013 la nostra regione, come voi tutti saprete, è stata colpita da una tragedia. Per fortuna nei paesi dove abitiamo noi non c'è stato alcun danno, ma fa sempre male vedere conterranei che perdono tutto: la casa, il frutto del proprio lavoro e ancor peggio la vita. Ho visto scene orribili alla tv, ho pianto a quasi ogni servizio dei tg (ero particolarmente emotiva in quei giorni), non sono andata ad aiutare di persona ma mi hanno detto che dal vivo è ancor peggio! Alcune foto per rendere l'idea

Nel mio piccolo mi sono rivolta alla protezione civile del mio paese, che si è data subito da fare per raccogliere quanto più possibile tra vestiario e alimenti da portare in aiuto alle zone colpite. E quando sono andata a consegnare la mia scatola ho visto coi miei occhi la solidarietà. Le cose raccolte erano davvero tante, e questo mi ha fatto provare un po' di felicità in quel giorno triste. Felicità nel vedere che esistono le persone di buon cuore, e che non sono poi così poche come si crede, che i sani valori esistono ancora e non sono solo favole, che vivo in un paese davvero bello perché le persone che ci vivono sono belle persone!


Ho letto su internet diverse testimonianze, sia delle vittime di questo ciclone che dei soccorritori, che mi hanno fatto sentire fiera di essere Sarda. Perché i Sardi sono ostinati, orgogliosi e cocciuti, nonostante la disperazione si rimboccano le maniche e ricominciano da capo; perché i Sardi hanno anche un gran cuore, sono ospitali e solidali, e se vai ad aiutarli non ti lasciano andar via se prima non hai almeno assaggiato un pezzetto di formaggio e bevuto un bicchiere di vino (ma di quelli buoni eh!), e mentre vai via ti dicono anche che sicuramente tizio ha più bisogno d'aiuto di loro e che forse è meglio se vai da lui; perché i Sardi sono umili, e se chiedi a un allevatore se ha avuto grosse perdite ti risponde che le cose che ha perso lui sono niente rispetto a chi ha perso un padre o una madre o un figlio o marito o moglie.
E poi... e poi dall'altra parte senti certi politici che ti fanno bollire il sangue nelle vene! Che vanno a parlare di ignoranza senza considerare che le persone morte affogate negli scantinati sono morte là non perché pensavano di trovarvi rifugio, ma perché quella era la loro casa!!! O perché cercavano di aiutare il proprio marito a salvarsi o perché erano persone anziane su una sedia a rotelle!!! Forse questi politici, prima di riempirsi la bocca di parole dette a caso, dovrebbero evitare di concedere condoni ogni 3x2!!! Forse i nostri politici prima di dire che sono vicini alle vittime della tragedia dovrebbero prendere provvedimenti affinché queste tragedie non avvengano! Certo la natura non si può dominare, ma si può, almeno in parte, prevedere e controllare. Come? beh magari, dato che ci sono tante persone che studiano ciò, come i geologi (un mestiere a caso, così giusto per dare un suggerimento) ci si potrebbe rivolgere a loro prima di costruire case sui letti dei fiumi!? o pare brutto? si potrebbe iniziare a rispettare un po' la natura; evitare colate di cemento; fare manutenzione delle dighe, dei ponti e delle strade; evitare che si intasino le fogne; evitare di rendere abitabili gli scantinati!? Insomma lo capisco io che non sono nè geologa nè ingegnere figuriamoci uno che ha studiato anni per avere uno di questi titoli! Rivolgersi a persone competenti non è un male, anzi!

Poi ovviamente non possono mancare gli esseri (utilizzo questo termine per non essere volgare o non offendere gli animali, sempre ingiustamente utilizzati come paragone) che non perdono occasione di offendere senza motivo la Sardegna e i Sardi, che neanche davanti a morti e disperati riescono a tener chiusa quella fogna che hanno al posto della bocca. La cosa più assurda è che questi stessi esseri, che ci insultano e offendono, vengono puntualmente in vacanza da noi, a rinfrescare le loro chiappe (probabilmente più pulite delle loro bocche) nei nostri splendidi mari.   ..#!@**/..#?\
Un'altra cosa che mi infastidisce è il fatto che in Italia, ultimamente, se non ci scappa il morto la cosa non fa scoop. Infatti, il giorno dopo, il ciclone si è spostato in Calabria, e anche lì purtroppo ha fatto danni, ma, dato che non è morto nessuno, la notizia non ha meritato più di qualche minuto. Sinceramente credo che anche loro abbiano bisogno d'aiuto, e che molto probabilmente abbiano gli stessi problemi di fondo (politici e amministrativi) che abbiamo noi. Ma questi penso siano un po' in tutta Italia, dato che ogni anno c'è un fenomeno naturale che devasta una regione, la quale stranamente non ha mai le giuste precauzioni.
Vi lascio un piccolo video tratto da Il paese delle meraviglie di Crozza, le sue parole riassumono alla perfezione ciò che i miei pensieri confusi hanno voluto dire..


In ogni caso, lamentele a parte, spero solo che tutto ciò non finisca nel dimenticatoio, e che finalmente vengano presi i giusti provvedimenti affinché le perdite non siano più così grandi, soprattutto quelle umane.


Vi saluto 
Malva

PS da oggi ricominciamo con i post, pubblicheremo anche quelli già scritti e che non abbiamo voluto pubblicare per rispetto di questo momento triste.




5 commenti:

  1. Vi capisco benissimo ed avete tutte le ragioni di questo mondo.
    Io sono toscana e due anni fa abbiamo subito la stessa tragedia. È stato un grande dolore vedere persone che hanno perso tutto e sapere che qualcuno non ce l'ha fatta, o perché travolto dalla piena, o perché ha cercato, nella disperazione, di salvare il lavoro di una vita.
    Un amico di mio padre è morto per salvare la sua macchina, ed è stato un grande schock per tutti noi.
    Sono vicina a tutti i sardi, con il cuore e con la mente, e a tutti coloro che hanno subito stragi di questo genere.
    Contro la natura non si può fare nulla, è vero, ma la prevenzione servirebbe di sicuro ad evitare eventi eclatanti come questi!!
    Il tempo permetterà di lenire i dolori e le sofferenze...anche se nel cuore resterà sempre una profonda ferita.
    Un abbraccio a tutta la Sardegna!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le tue belle parole :') ricambiamo il tuo abbraccio <3

      Elimina
  2. Vi capisco, vi comprendo e vi sono vicina. Anche io come lucymakeup sono toscana, perciò in parte vi capisco!
    Per i politici non posso che concordare... meno male che esistono bellissime persone con un grande cuore disposte ad aiutare chi ha perso qualcosa in questa tragedia!!
    Vi mando un grandissimo abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le tue parole, ricambiamo l'abbraccio <3

      Elimina
  3. Grazie di cuore ragazze! <3 fa piacere ricevere solidarietà, anche se tramite uno schermo, è bello sapere che ci siete vicine! ^-^

    RispondiElimina